TOP

Orti per tutti: un concorso di progettazione per una agricoltura urbana

Orti per tutti: un concorso di progettazione per una agricoltura urbana

Il tema dell’agricoltura urbana e in particolare degli orti di nuova generazione è al centro dell’attenzione pubblica già da alcuni anni e nella città di Bologna si registra il proliferare di nuove attività promosse da istituzioni, associazioni e gruppi di cittadini. Il numero di persone che chiedono di poter usufruire di un orto pubblico è in costante aumento.

Dal 18 luglio è stato indetto un bando: “Orti per tutti: un concorso di progettazione per una agricoltura urbana”  l’Urban Center di Bologna, con il Comune, la Fondazione Villa Ghigi, l’Ordine degli Architetti di Bologna, l’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Bologna e l’Ordine degli Ingegneri di Bologna, con l’adesione di AIAPP – Associazione Italiana di Architettura del Passaggio, il patrocinio del Consiglio Nazionale degli Architetti P.P.C. ed il contributo di CERSAIE e Confindustria Ceramica.

Il concorso ha l’obiettivo di coinvolgere professionisti, creativi ed esperti, nella progettazione di nuove aree ortive, con attenzione a criteri di sostenibilità, al design, alle scelte agronomiche, alle caratteristiche di inserimento nel contesto. Il materiale raccolto tramite il bando sarà utile anche per stabilire alcune regole di base, di carattere tecnico, che guideranno poi, una volta sperimentate nei progetti pilota del concorso, le progettazioni future, di orti sia pubblici sia privati, a complemento delle prestazioni individuate dal Regolamento urbanistico edilizio-RUE.

La gara si svolge interamente via internet, attraverso la piattaforma concorsi online dell’Ordine Architetti di Bologna.

Altra novità: il bando non è rivolto solo ai tecnici: possono partecipare gruppi interdisciplinari che coinvolgano anche soggetti con esperienza di conduzione di aree ortive, a condizione che il capogruppo sia laureato in Architettura, Ingegneria o Scienze Agrarie.

Il concorso richiede di progettare un insieme di soluzioni che possano fare da guida per realizzare nuovi orti urbani di piccole-medie dimensioni all’interno di tre aree verdi pubbliche in zone diverse della città – “Orti tra le case”, “Orti dentro i giardini”, “Orti in campagna”- selezionate dal Comune all’interno del patrimonio pubblico disponibile.

I progetti dovranno ispirarsi ai principi di sostenibilità, di economicità, buone pratiche del riciclo, design dei manufatti, accessibilità e biodiversità.

Maggiori informazioni: Comune di Bologna.